Alessandra

Prego perché tutti accettino la grazia di donare amore al prossimo

Mattia

Io prego per mio padre , riportalo a casa da noi,fai trionfare la verità, riunisci la mia famiglia.

Marcello

Signore Dio illumina la mente e dona amore a tutti i potenti della terra,per una vera e santa pace nel mondo 🙏

Daniela

Per la pace nel mondo e nella nostra vita. Possa essa fiorire alla Sua luce Sua. Sia glorificato il Suo nome in tutto il mondo! Maranathà, vieni Signore Gesù!

FRANCESCO

Per il dialogo tra cuori illuminati dalla speranza e per avere la forza di accogliere Nostro Signore che è il solo a poter rischiarare ogni tenebra. Possa Gesù bambino, con amore forte e misericordioso, condurre sulla retta via passando dalla porta stretta.

Giovanna

Chiedo una preghiera per mia sorella Martina

Angelo

Prego per la pace nella mia famiglia, che il Signore vi conceda la grazia della riconciliazione Grazie

Jessica

Io spero che arrivi la pace nella mia famiglia che finalmente riusciamo a respirare il bello della vita. Grazie J

Concetta

Chiedo una preghiera x mio marito che sicuramente dovrà subire un intervento delicato che San Francesco possa metterci le sue mani

Francesco

Con l’ aiuto di Dio mi impegno a vivere la pace nel mio cuore e in famiglia per poi portarla sulle strade del mondo e così spero di contribuire alla pace nel mondo

**Secondo le stime dell’LPJ, basate su studi e statistiche forniti da economisti e dalla Camera di Commercio e Industria di Betlemme. Si tratta di lavoratori impiegati nel settore turistico: ad oggi, circa 84 alberghi (1660 dipendenti), 241 laboratori locali di ulivo e madreperla (1205 dipendenti), 45 agenzie turistiche (90 dipendenti), 267 guide turistiche, 90 negozi di souvenir (900 dipendenti), 20 ristoranti turistici (500 dipendenti) e 91 venditori ambulanti hanno perso completamente il lavoro e circa 325 donne che lavoravano nel ricamo e nel cucito non sono più in grado di lavorare e sostenere le loro famiglie.

*Il progetto AFAQ, lanciato dall’LPJ in collaborazione con l’Università di Betlemme, già dopo la pandemia è riuscito a riaccendere la speranza tra i giovani creando programmi di occupazione professionale, nuovi posti di lavoro in collaborazione con scuole e parrocchie e, attraverso piccole sovvenzioni a giovani cristiani disoccupati, avviare piccole start-up. Oggi che la guerra ha paralizzato il paese, consentirà di evitare che un’altra ondata di emigrazione colpisca la Terra Santa.

La speranza oltre la guerra

Ricostruisci insieme a noi il futuro in Terra Santa